Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016

Flora Borsi: la ricerca dell’identità

Le fotografie di Flora Borsi in continua ricerca dell’identità del singolo individuo.

 

Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016
Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016

Flora Borsi è una fotografa ungherese, nata nel 1994, che fin da giovanissima ha iniziato a utilizzare Photoshop. Attraverso la manipolazione della fotografia, arriva a creare immagini surreali, oniriche, che esaltano le differenze del singolo. Le tematiche affrontate dalla giovane artista riguardano l’identità, le relazioni, le emozioni e i sogni. I suoi lavori arrivano ad esprimere emozioni universali, come la lussuria, il desiderio, la disperazione e la perdita.

Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016
Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016

L’artista riesce immediatamente a catturare ciò che nasconde la psiche umana, visualizzando le fantasie più oscure, i sogni più rarefatti.

“Non mi piace la realtà; Voglio fingere! La fotografia è il mezzo perfetto per esprimere i miei sentimenti e creare le mie visioni “- Flora

“…Il software editor è solo uno strumento per completare le mie foto, voglio realizzare un’ immagine inedita. Voglio scioccare le persone e farle sorridere attraverso immagini critiche della società. Il mio obiettivo è ispirare lo spettatore a pensare, coinvolgerlo e fargli provare ciò che provo io stessa…” -Flora

 

Flora Borsi, Siamese, arte digitale, 2016
Flora Borsi, Siamese, arte digitale, 2016

Il suo lavoro si concentra sul corpo femminile, e sul gioco di rivelare o nascondere certi particolari, come gli occhi o il viso, per lasciare solo un’idea della forma. Grazie a questo, affronta tematiche come la percezione del proprio corpo e la rappresentazione della figura femminile.

Siamese

La  serie “Siamese”, mostra la lotta contro se stessa, tra il bene e il male. Le forme sembrano amalgamarsi tra di loro, ma anche in continuo conflitto a causa della ricerca di una via d’uscita, che crea continue tensioni nei movimenti rappresentati. Questo movimento o tensione va a creare delle figure che sembrano avere più braccia o elementi del viso duplicati.

Flora Borsi, Siamese, arte digitale, 2016
Flora Borsi, Siamese, arte digitale, 2016

 

Flora Borsi, Siamese, arte digitale, 2016
Flora Borsi, Siamese, arte digitale, 2016

Animeyed (Self-Portraits)

Nella serie “Animeyed (Self- Portraits)” sovrappone un volto femminile e un volto animale, facendo in modo che la figura abbia un occhio di ciascuna delle due creature. Così facendo crea l’illusione che tra i due soggetti avvenga un’integrazione, e un riconoscimento l’uno nell’altro. Non a caso i volti sono modificati in modo da rispecchiare le caratteristiche dell’animale da cui sono accompagnati.

Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016
Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016

 

Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016
Flora Borsi, Animeyed (Self-Portraits), arte digitale, 2016

 

 

Sito ufficiale: http://floraborsi.com/projects

Fonti:  http://www.pausacaffeblog.it/wp/2016/08/flora-borsi-arte-e-photoshop.html, http://floraborsi.com/projects

Fonti immagini: https://www.behance.net/gallery/32763127/Animeyed-(Self-Portraits)https://www.behance.net/gallery/34650161/Siamese